Mons. Benaglio

  fondatore - Bergamo 1767 - 1836

Giuseppe Benaglio è un personaggio storico, non sconosciuto nella sua Diocesi di Bergamo e significativamente presente nella vita, nel carisma e nella spiritualità dell’Istituto Figlie del Sacro Cuore di Gesù, di cui è Fondatore insieme a Santa Teresa Verzeri.
Tracciamo brevi tratti del suo profilo di uomo, sacerdote, studioso, canonico… offrendo ai lettori  alcune testimonianze di Teresa Verzeri, che lo ammirava per la sua sapienza spirituale e per la sua santità.
Nasce dalla famiglia del Conte Antonio di Sanguineto e di Caterina Ginammi, una tra le più antiche e nobili della città, che conta una lunga serie di personaggi illustri per scienze, per incarichi pubblici e per pietà. Ordinato prete nel settembre del 1790,  a ventidue anni, fu nominato Canonico del capitolo di Bergamo, che contava allora molte personalità distinte per virtù e sapere:  Mozzi, Tomini, Passi e altri, con i quali strinse legami di amicizia e rapporti fecondi di collaborazione.
Aveva un carattere gioviale, allegro, incline alle amicizie, di animo impetuoso, anche se “sapeva frenarsi in modo da non farsi credere né una persona fredda nè di carattere troppo remissivo”. Era innanzitutto uno studioso, non c’è genere di erudizione sacra e di letteratura ecclesiastica che egli non abbia abbracciato: liturgia, patrologia, storia, apologetica, ermeneutica, esegesi, ascetica, mistica, teologia dogmatica e morale, oltre alla coltivazione delle lettere umane.
 Ma più che allo studio delle scienze, osservano i biografi, si dedicava all'orazione, persuaso che di questa più che di quelle, hanno bisogno gli uomini di Chiesa, per essere efficaci nei loro ministeri.
Amava la vita solitaria, ma una solitudine “operosissima”:  nella solitudine studiava, pregava, scriveva, ravvivando nel cuore il fuoco della carità. A questo fuoco attingeva la sapienza di quello che andava scrivendo. Si racconta che  per amore di solitudine e per il bisogno di  pregare, aveva preso in affitto una povera stanza vicino la Cattedrale dove, lontano da ogni tumulto, si ritirava a trascorrere i giorni e le notti in preghiera e nello studio, che per lui era un'altra specie di orazione. Finì  col tempo per non uscire neppure a fare una passeggiata, rinunziando a qualsiasi tipo di vacanza, anche se gli piaceva molto quel genere di divertimento tanto comune allora, quello di prendere gli uccelli con le reti.
Non era però di natura malinconico, anzi era “affabilissimo, festoso e, all'occasione, quanto mai di compagnia, soprattutto in gioventù”. Gli storici narrano che lo si vedeva stare per molte ore immobile nel coro, davanti  a Gesù Sacramentato e negli ultimi anni della sua vita, la Messa fu visto accendersi in volto e piangere.
Ritenuto comunemente uomo santo e un teologo profondo, molti erano gli ecclesiastici e i laici che  ricorrevano a lui per consiglio e per la direzione spirituale. Il Benaglio infatti desiderava il sacerdote pieno di scienza sacra; voleva che il cuore, non meno della mente, ne fosse imbevuto come spugna immersa nell'acqua,  perchè il sacerdote, secondo l’ immagine di S. Bernardo, “non deve essere come canale  dentro cui l'acqua scorre, ma come conca dove si raccoglie e trabocca tutto intorno”.
Ricoprì in Diocesi molte cariche di grande responsabilità.: fu Rettore del Seminario, Vicario Capitolare e  Vicario Generale, canonico dei teologi della cattedrale, giurista, direttore di monasteri, confessore e direttore spirituale. Insieme al Canonico Marco Celio Passi fu direttore spirituale anche di Maria Antonia Grumelli (1741-1807), quella grande figura di suora mistica della seconda metà del Settecento, riformatrice del monastero di Santa Chiara in Bergamo e fondatrice del Collegio Apostolico (dal 1909 “Preti dl Sacro Cuore”), che ebbe un ruolo determinante sul piano della spiritualità del Sacro Cuore di Gesù (cfr.Libratore, “Strumento di Dio”- M..A. Pedrocca Grumelli).  Alla sua spiritualità attinse in abbondanza lo stesso Benaglio che travasò questa spiritualità, come “acqua viva” sulla futura fondazione, nucleo carismatico fondante l’Istituto delle Figlie del Sacro Cuore di Gesù. “Fin d'allora l'Istituto parve a tutti cosa straordinaria e stupenda”, il che faceva dire a Teresa: “Siam pure le fortunate noi prime che abbiamo la sorte di essere dirette da un tal uomo santo, che è tutto vivificato dallo Spirito di Dio”.

Qual è la sua opera?

Riseppe Benaglio fu il primo in Italia che nel 1814, riprendendo l’iniziativa tentata dal Mozzi e da Celio Passi,  ad avviare le scuole serali di carità, l’istruzione e l’educazione per i ragazzi poveri, che non potevano frequentare le scuole pubbliche di giorno, per ragioni di lavoro, dovendo procurarsi il vitto in qualche bottega o officina. Introdusse la ricreazione festiva di domenica e nei giorni di festa nel Seminario e sul Gromo. Con Teresa Verzeri diede vita in un primo momento a una gruppo di giovani insegnanti, dedite all’istruzione, con le quali avviò sul Gromo/Bergamo una scuola per ragazze povere e abbandonate, poi, nel 1831 diede vita all’Istituto delle Figlie del Sacro Cuore di Gesù, con le finalità che il Benaglio stesso aveva tracciato. Guiderà con illuminata sapienza l’itinerario spirituale di Teresa Verzeri, fin da bambina,  e  accompagnerà profeticamente la nascita e  la crescita dell’Istituto, di quell’”albero vigoroso che, come dice Papa Giovanni XXIII,  andava fiorendo sul colle antico della città”.
Oltre gli incontri e i colloqui personali, comunicava con le lettere, numerose! piene di sapienza ascetica e di teologia mistica (purtroppo non si conservano che tre lettere di Teresa a Monsignore Benaglio, mentre numerose sono quelle di lui a Teresa, come attestano i documenti d’Archivio).

Come Teresa Verzeri vede la figura del Benaglio?

 Così Teresa parla di lui:
* “Le Costituzioni dell'Istituto ch'Egli tracciò comprovano la nobiltà, la discrezione, la prudenza e il giusto criterio del Fondatore, lo zelo ardentissimo che gli ardeva nell'animo che le sue Figlie fossero tali quali il Signore le volea, e ne dava a lui la cognizione e il desiderio”.
* "Sentiva il convincimento del grande vantaggio che per la gloria di Dio e pel bene del prossimo, di cui era zelantissimo, avrebbe procurato un'associazione di donne che, infiammate d'amor di Dio, unite fra loro coi vincoli di religiosa famiglia… si consacrassero insieme come a fine speciale del proprio Istituto, alle opere di carità verso il prossimo" .
* ”Essendo dotato di un intelletto elevato e perspicace, informato di uno spirito il più retto, il più sodo, il più robusto…non é a dire studio che fece e premura che si ebbe di stabilire, in questo spirito medesimo, il suo Istituto, oggetto delle compiacenze e della tenerezza del Suo cuore”.“Voglio vedere le Figlie animate… dello spirito di esimia carità, una carità dolce, paziente, compassionevole, industre, laboriosa, che sa farsi tutto a tutti, onde guadagnare tutti al Sacro Cuore”.
* “Io vi desidero tutte piene dello spirito del SS.mo Cuore di Gesù del quale siete Figlie amatissime.
La vostra santificazione consiste nell’investirvi e nell’imbevervi affatto dei sentimenti del Cuore di Gesù: dovete pensare come Lui, amare come Lui, soffrire come Lui… Come Lui…non avere altro principio in tutte quante le vostre azioni, che l’amore di Dio, non altra regola, che la divina volontà, non altro fine, che la gloria di Dio”.
* “Celava, scrive Teresa Verzeri, la sua santità possibilmente; ma non sempre era in suo potere di celarne l'effetto, cioè la sua unione straordinaria con Dio…Da quest'uomo, a somiglianza del divino Maestro, …consumato sulla croce da patimenti, non si poteva aspettare che opere grandi e di grande benedizione, essendo solito il Signore favorire colle avversità i prediletti suoi, a loro pro non soltanto, ma a vantaggio di tutti, costituendoli strumenti per opere meravigliose della sua misericordia”.
* “Se si vuol dire della semplicità e prudenza, della carità e discrezione, dell'umiltà e del nascondimento, insomma della vera e soda pietà di quest'uomo, veramente di Dio e formato secondo il suo cuore, la penna si perde, poiché il lavoro fu tutto divino…, come attestano coloro che da vicino il conobbero”.
* “Il Signore che voleva il suo Servo non felice sulla terra, ma in cielo, lo chiamò a sé prima che l'Istituto fosse formalmente sancito e approvato, infatti morì, mentre “la Congregazione non ancora stabilita, si rimase orfana del Padre suo! Ma se il Fondatore, dice Teresa “ mancò al suo caro Istituto in terra, c’é da credere che l'aiutasse più efficacemente dal Cielo”.
Giuseppe Benaglio muore il 18 gennaio 1836. L’urna con i suoi resti si trova nella Cappella dell’Istituto, in Città Alta, Casa Madre delle Figlie del Sacro Cuore,  al lato dell'altare, custodite come “reliquie di un patriarca, di un apostolo e di un profeta”.

Istituto Figlie del Sacro Cuore di Gesù
Via Casilina 1113 00169 Roma
Tel. 06.260328 - Fax 06.2389168
powered by DOMUSMEDIA © | All rights reserved